Questo sito web utilizza i cookies per offrire una migliore esperienza di navigazione, gestire l'autenticazione e altre funzioni.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, l'utente esprime il suo consenso all’utilizzo dei cookies sul suo dispositivo. Visualizza la Privacy Policy

Approvo

LO SPORT NON VA IN VACANZA edizione 2021 è giunto a conclusione.
Dopo un anno di stop a causa dei conosciuti problemi, il Coni Abruzzo e il Comune di Pescara hanno deciso di fare ripartire il camp estivo più atteso.
Come è andata?
Ce lo dice il presidente del Coni regionale, Enzo Imbastaro:
"Era troppo importante fare ripartire questo progetto che ormai è diventato tradizionale nell'estate pescarese. Anche quest'anno per circa due mesi, tantissimi ragazzi hanno potuto continuare a fare attività sportiva seguiti dai nostri istruttori, quindi in totale sicurezza affidati a professionisti formati. Certo, le limitazioni imposte dai protocolli Covid ci sono state: le distanze tra i vari gruppi di lavoro, piuttosto che il numero complessivo di ragazzi bloccato a 615 e a tre centri sportivi denominati Educamp, mentre negli anni scorsi i centri erano quattro e i ragazzi un migliaio. Insomma, nonostante le difficoltà crediamo di aver offerto un buon servizio oltre che utile per le famiglie, quindi l'obiettivo futuro è di tornare ai vecchi numeri e alla totale normalità. Siamo sempre legati all'andamento della pandemia, ma senz'altro non ci fermeremo".