Ultim'ora

Questo sito web utilizza i cookies per offrire una migliore esperienza di navigazione, gestire l'autenticazione e altre funzioni.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, l'utente esprime il suo consenso all’utilizzo dei cookies sul suo dispositivo. Visualizza la Privacy Policy

Approvo

guanto oro femminile

Domattina nella sala consiliare del Comune di Rivisondoli, alle ore 11.00, si aprirà ufficialmente la manifestazione pugilistica nazionale.

 

La conferenza Stampa di presentazione raccoglierà pensiero e motivazioni del Presidente del CONI Abruzzo Enzo Imbastaro, del Presidente del Comitato Regionale FPI Mariangela Verna, del Sindaco di Rivisondoli Roberto Ciampaglia, del Fondatore e Presidente onorario della ONLUS Prossimità alle Istituzioni Domenico Trozzi e del Tecnico della società organizzatrice dell’evento Simone Di Marco.

 

Le migliori pugili della penisola saliranno sul Ring del Torneo Nazionale Femminile Guanto d’Oro d’Italia “Trofeo Luisella Colombi”, nel centro storico della ridente cittadina montana nelle giornate dei prossimi 13, 14 e 15 Luglio.

 

Nove le categorie di peso nelle quali si confronteranno le 62 Pugili in gara, alcune anche in forza ai Gruppi Sportivi Militari dello Stato, che daranno senz’altro il meglio di loro, onorando i colori delle proprie società e colorando il centro storico di Rivisondoli di una carica agonistica assoluta e di un’affascinante potenza tutta al femminile, che solo la bellezza di una competizione del genere possono trasmettere.

 

L’organizzazione dell’evento, della massima rilevanza, è stata affidata al Boxing Team Simone di Marco, società pugilistica di Pescara che brilla ormai nel panorama pugilistico nazionale per qualità organizzativa e agonistica.

 

La società guidata dal giovane tecnico Simone Di Marco, infatti, vanta campioni nazionali ed internazionali, più volte in maglia azzurra, nonché un grande e storico impegno nel sociale di concerto con la ONLUS Prossimità alle Istituzioni nel contrasto del disagio giovanile attraverso la disciplina pugilistica, supporto e riferimento nella crescita di moltissimi ragazzi del territorio.