Ultim'ora

Questo sito web utilizza i cookies per offrire una migliore esperienza di navigazione, gestire l'autenticazione e altre funzioni.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, l'utente esprime il suo consenso all’utilizzo dei cookies sul suo dispositivo. Visualizza la Privacy Policy

Approvo

Atletica Vomano

A seguito delle tre fasi di qualificazioni, il 23 e 24 settembre si svolgeranno le finali dei Campionati di Società assoluti su pista di atletica leggera a livello nazionale. L’Abruzzo sarà rappresentata nella Finale A ”Argento” (squadre dalla 13° alla 24° posizione) in programma a Agropoli (Sa) dalla squadra maschile dell’Atletica Vomano Gran Sasso. Per il blasonato Club di Morro D’Oro dell’Atletica Vomano, trampolino di lancio per tanti giovani talenti, che per ben 9 anni ha militato nella massima serie A “Oro” ( 1° alla 12° posizione) conquistando uno storico scudetto per L’Abruzzo, a cui si aggiungono tanti piazzamenti da podio a squadra, e risultati individuali di prestigio a livello Nazionale e Internazionale, si tratta della 2° finale consecutiva nella serie A “Argento” insieme con i cugini dell’Atletica Gran Sasso di Teramo.
Nella Finale A “Argento” di Agropoli l’Atletica Vomano Gran Sasso attualmente occupa la 12° posizione in classifica, solo le prime 8 formazioni conserveranno la permanenza nella Finale Nazionale, le ultime 4 squadre retrocederanno nei raggruppamenti Interregionali.
Pertanto, i giovani atleti in maggioranza abruzzesi ed i più esperti saranno chiamati, nelle due giornate di gare nelle 20 diverse specialità a fornire prestazioni all'altezza della situazione per scongiurare una possibile retrocessione. "Siamo convinti che anche in questa finale lo spirito di gruppo, l’attaccamento alla maglia, e la determinazione, tutte caratteristiche  che hanno sempre contraddistinto la nostra squadra risulteranno determinanti per conservare la permanenza nel raggruppamento Nazionale." questo è stato il commento del responsabile tecnico Gabriele Di Giuseppe.